Per la libertà delle donne

Oltre cento donne in Italia ogni anno vengono uccise da uomini, quasi sempre quelli che sostengono di amarle. Si tratta di una vera e propria strage.

E ai femminicidi si aggiungono poi violenze che sfuggono alle statistiche ma che, se non fermate in tempo, rischiano di fare tante altre vittime.Donne Violenza

L’Organizzazione Mondiale della Sanità indica la violenza sulle donne come la prima causa di morte tra i 15 e i 44 anni: una donna su tre al mondo subisce vessazioni, soprusi, mutilazioni, stupri.

Solo in Italia ogni anno viene uccisa una donna ogni due giorni per mano del partner o ex-partner e oltre 400.000 minori assistono alla violenza sulla propria madre.

Sono numeri che fanno davvero paura, di una realtà che non ci può lasciare indifferenti.

L’Associazione Differenza Donna è impegnata dal 1989 per liberare le donne dalla violenza e dalla discriminazione di genere facendo valere i loro diritti, qualunque sia la loro cultura, religione o paese di origine.

compleanno

Il 10 Giugno Cecilia ha donato il suo compleanno a Differenza Donna; abbiamo quindi chiesto alla festeggiata il perché di questo gesto, la risposta è stata che il poter contribuire a combattere le violenze che le donne sono costrette a subire nell’arco della loro vita, sarebbe stato il regalo più bello.

Cecilia è una donna con una forte identità, pienamente autonoma e libera, che ha voluto per il suo giorno non rimanere indifferente difronte alla violenza che siamo purtroppo abituati ad assistere, e chiedere ai propri amici di fare lo stesso: di non farle un regalo materiale ma una donazione a favore della libertà di tutte le donne, una libertà dalla violenza, dai soprusi e dalle vessazioni.

Sono stati raccolti 350 euro a favore di questa importante campagna, amici, parenti e colleghi non si sono tirati indietro difronte ad una richiesta come quella di Cecilia.

Non possiamo che complimentarci con Cecilia per la scelta importante e continuare a sostenere Differenza Donna per lo splendido lavoro che quotidianamente porta avanti.

donne libere

Related Posts